LA THUILE















I contenuti di queste
pagine sono stati gentilmente forniti
dal
Consorzio Operatori Turistici La Thuile
IL COLLE DEL PICCOLO SAN BERNARDO e L’OSPIZIO MAURIZIANO
In un lontano momento del lungo periodo caldo post-glaciale (3000 a.C.-1500 a.C.), un cacciatore mise piede sui 2188 m del Colle del Piccolo San Bernardo, scoprendo così un “comodo” passaggio tra le montagne e i ghiacciai. Da quel momento ebbe inizio la lunga storia di Adiacente ed esterno ad esso si trova un tempietto, il fanum gallo-romano, forse consacrato ad una divinità celtica. Bastano pochi passi e il colle “cambia epoca”.
Tagliato dalla strada, il cromlech, grande cerchio di pietre infisse nel terreno, si trova proprio sulla linea di confine tra Italia e Francia.
Dopo l’ex Dogana francese
ritorniamo all’epoca romana con l’edificio a cortile dedicato probabilmente al
 
dio protettore dei soldati. Infine per l’intero Medioevo Giove ha lasciato il suo nome anche al colle. La colonna di marmo alta 4,5 metri, detta “Colonna di Joux” , fa da piedestallo all’Ospizio del Piccolo San Bernardo, unico visibile del sistema millenario delle case ospitaliere.
LAGO VERNEY
Spicca d’estate andando a comporre il paesaggio unico del Piccolo San Bernardo. Il Lago Verney è un “pezzo” di storia dell’ambiente creata dall’opera dei ghiacciai, con un ecosistema caratterizzato da particolari equilibri biologici, su cui spicca in maniera evidente la variabilità della flora

CHIESA PARROCCHIALE
La chiesa parrocchiale di La Thuile risale al 1796, quando fu ricostruita dopo l’incendio appiccato dalle truppe francesi nel 1794. Oggi la chiesa si presenta sobria ed essenziale con un’aula unica, due absidi laterali e il presbiterio, anch’esso absidato. L’intero perimetro interno della chiesa accoglie le pitture di Ettore Mazzini eseguite nel 1945.