LA THUILE















I contenuti di queste
pagine sono stati gentilmente forniti
dal
Consorzio Operatori Turistici La Thuile
La storia
Per la sua posizione strategica La Thuile ha storia antica avendo da sempre svolto un’importante funzione di facilitazione al transito e di presidio della frontiera. In epoca romana si chiamava Ariolica, mentre il nome di Thuilia appare poco dopo l’anno Mille per diventare La Thuile nel 1760 e restare tale fino al oggi.
 
Come ogni paese montano anche a La Thuile la vita veniva scandita dai tempi e dalle stagioni del raccolto. Successivamente con la scoperta di giacimenti carboniferi il piccolo centro di La Thuile si trasformò in una cittadina mineraria. Tutto iniziò a ruotare intorno a questa importante attività che nel volgere di poco tempo divenne la principale risorsa economica. Oggi la realtà è completamente diversa, mutata nel tempo. Lasciati i giacimenti carboniferi, La Thuile, con gli anni, si è trasformata in uno dei centri turistici più rinomati della Valle d’Aosta. Grande merito di questa realtà è stato quello di voler mantenere a tutti i costi una precisa identità di montagna. In tale ottica la gente di La Thuile va ben fiera di appartenere all’antica Vallis Digna, sito archeologico e luogo di notevole rilevanza storica per le vicende di cui è stata testimone sin dai tempi di Augusto. Infine La Thuile è una scoperta della natura attraverso lo sport, dove la montagna è la protagonista assoluta. Scoprire in sella a una mountain bike la vita incontaminata di La Thuile, magari scorgendo marmotte e camosci, aquile e falchi, percorrendo uno dei tanti sentieri appositamente tracciati per gli amanti delle due ruote, tra i continui saliscendi al confine tra Italia e Francia. Camminare tra i vari percorsi di trekking godendo di un panorama a 360° sulle vette più imponenti d’ Europa. Pescare nel Lago Verney e in tutti gli altri laghi alpini, ruscelli e corsi d’acqua. Ed in inverno.. tanta, tanta neve. Bianchissima e tutta da vivere.